-Core
LHAM
Leaving Hardly A Mark
13/Silentes
Pubblicato il 24/12/2021 da Lorenzo Becciani
Songs
1. Access
2. Rhesus Negative
3. Hail On Mary
4. Martenot
5. Ferar Dolom
6. Beneath The Ice
7. Quasi Stable
8. Zdravilo
9. Thalassa
10. Fuente Alta
11. Maha Nakhon
Songs
1. Access
2. Rhesus Negative
3. Hail On Mary
4. Martenot
5. Ferar Dolom
6. Beneath The Ice
7. Quasi Stable
8. Zdravilo
9. Thalassa
10. Fuente Alta
11. Maha Nakhon

Ad un anno e mezzo circa dall’anteprima di ‘Maha Nakhon’, viene finalmente immesso sul mercato l’esordio del nuovo progetto che vede coinvolti Giuseppe Verticchio (Nimh, Hall Of Mirrors) e Bruno De Angelis (Mana ERG) e si muove in territori dark ambient pur pregiandosi dell’utilizzo di strumentazione acustica al fianco dell’elettronica di tipo classico e non disdegnando divagazioni nella world music. Il collegamento principale si manifesta con ‘Krungthep Archives’ visto che l’area metropolitana di Bangkok è protagonista, non soltanto del video del suddetto singolo, ma ‘Leaving Hardly A Mark’, più raffinato nelle strutture, lascia il proprio marchio soprattutto in termini onirici. Ciò che regala infatti è un sogno ad occhi aperti, lucido e quasi mai astratto, e le ambientazioni rarefatte e soffuse che lo caratterizzano lasciano intendere il desiderio di viaggiare e non limitarsi ai confini fisici del quotidiano. Un messaggio bellissimo considerati i tempi che stiamo vivendo. Forse il disco più personale o comunque uno dei più personali di Giuseppe Verticchio e per questo motivo ancora più prezioso.

LHAM
From Italia

Discography
Leaving Hardly A Mark - 2021