-Core
Thornhill
Heroine
UNFD
Pubblicato il 02/06/2022 da Lorenzo Becciani
Songs
01 The Hellfire Club
02 Leather Wings
03 Blue Velvet
04 Arkangel
05 Valentine
06 Casanova
07 Something Terrible Came with the Rain
08 Hollywood
09 Raw
10 Varsity Hearts
11 Heroine

Non so cosa si celi dietro al titolo del secondo lavoro in studio degli australiani, anche se sa tanto di beatificazione dell’uso di droga, ma posso affermare senza timore di smentita che ‘Heroine’ è la migliore uscita metalcore da diversi anni a questa parte, supposto che abbia senso definire solamente metalcore una realtà sonora che ha saputo espandersi così tanto. Il cantato di Jacob Charlton si è evoluto a dismisura, prendendo spunto in maniera palese da Chino Moreno di Deftones e Crosses così come da Justin Timberlake (sentire ‘Valentine’ per credere..), ed il suono della band si è trasformato in qualcosa di totalmente unico e difficile da omologare. Al suo interno troverete pop, dark, industrial metal, shoegaze, djent, ritmiche selvagge e ritornelli lesivi per la materia cerebrale. Il guitar work di Ethan McCann e Matt Van Duppen è formidabile e ogni singola traccia possiede un potenziale naturale che in sede live potrebbe essere ulteriormente sviluppato. La devozione nei confronti degli anni ‘90 è assoluta (‘Casanova’) e, rispetto a ‘The Dark Pool’, la sensazione è che i Thornhill abbiano voluto cercare di ottenere un profilo più cinematico eppure la violenza di alcuni passaggi è ancora più cinica di prima. ‘Leather Wings’ e ‘Blue Velvet’ scavano negli abissi del nostro inconscio con una leggerezza fuori dall’ordinario e basta un minimo cambio di scenario per vederci scaraventare addosso una possibile hit come ‘Arkangel’ (una versione imbastardita di ‘Sextape’ dei Deftones in cui pure i fan degli Editors troveranno materia per soddisfare la propria lussuria), dove il frontman offre il meglio del suo notevole timbro vocale, ma anche il bassista Nick Sjogren e il drummer Ben Maida sono in costante primo piano. Nonostante una spiccata varietà sonora e momenti di quiete, la sezione ritmica sa infatti accendersi di colpo e schiantare ogni possibile paragone con formazioni che fanno dell’intransigenza una regola di vita. Minuto dopo minuto vi accorgerete di quanto sia diventato adulto l’approccio compositivo di questi ragazzi che hanno pensato l’album, con cospicui riferimenti cinematografici, perché possa essere ascoltato dall’inizio alla fine e non brutalizzato con i servizi streaming che tutti conosciamo o limitato ad uno o due singoli di effetto. ‘Hollywood’ e ‘Varsity Hearts’ sono volutamente intimidatorie e melodiche, subliminali e catartiche, per simboleggiare al meglio il nuovo corso di una band capace di reinventarsi da capo, stravolgere tutto quello che aveva raggiunto fino adesso e scoprirsi ai vertici di un genere che ha un disperato bisogno di dischi di questo tipo.

Songs
01 The Hellfire Club
02 Leather Wings
03 Blue Velvet
04 Arkangel
05 Valentine
06 Casanova
07 Something Terrible Came with the Rain
08 Hollywood
09 Raw
10 Varsity Hearts
11 Heroine
Thornhill
From Australia

Discography
The Dark Pool - 2019
Heroine - 2022