-Core
Jani Liimatainen
My Father's Son
Frontiers Records
Pubblicato il 13/06/2022 da Lorenzo Becciani
Songs
01. Breathing Divinity
02. All Dreams Are Born To Die
03. What Do You Want
04. Who Are We
05. Side By Side
06. The Music Box
07. Into The Fray
08. I Could Stop Now
09. Haunted House
10. My Father's Son

Nella sua lunga carriera, il chitarrista nativo di Kemi ha collezionato presenze importanti e tuttora è membro di Cain’s Offering, The Dark Element, Kotipelto & Liimatainen e Insomnium. La sua band più importante rimane in ogni caso i Sonata Arctica e la partecipazione di Tony Kakko a questo progetto traccia un legame col passato importante (‘All Dreams Are Born To Die’). Per il resto siamo al cospetto del classico album promosso da Frontiers, pensato nei minimi particolari e studiato per attrarre gli appassionati di metal melodico nella speranza che il materiale possa essere trasportato anche dal vivo. La lista dei crediti è lunghissima e vi fanno parte tra gli altri Björn “Speed” Strid (Soilwork, The Night Flight Orchestra), Timo Kotipelto (Stratovarius), Jens Johansson (Stratovarius, Dio), Anette Olzon (The Dark Element, ex-Nightwish) e Antti Railio (Celesty). In scaletta si passa da pezzi di grande impatto come ‘Breathing Divinity’ e ‘The Music Box’ ad altri in cui le influenze power metal e AOR del musicista emergono lampanti. Un ottimo esordio solista ed un modo per godere del talento compositivo di un artista che con la sua Ibanez ha marcato a fuoco capitoli importanti della storia della musica finlandese e che in ‘Haunted House’ si cimenta al microfono senza sfigurare.

Songs
01. Breathing Divinity
02. All Dreams Are Born To Die
03. What Do You Want
04. Who Are We
05. Side By Side
06. The Music Box
07. Into The Fray
08. I Could Stop Now
09. Haunted House
10. My Father's Son
Jani Liimatainen
From Finlandia

Discography
My Father’s Son - 2022