-Core
Amorphis
The Moon
Pubblicato il 03/12/2021 da Lorenzo Becciani

Gli AMORPHIS, che sono tra i principali gruppi dark metal del Nord Europa, oltre ad avere raggiunto il primo posto nelle classifiche finlandesi per cinque volte, hanno affascinato i fan e la critica per più di trent’anni con i loro paesaggi sonori malinconici e pesanti. Dopo aver annunciato il loro prossimo quattordicesimo album in studio, "Halo", in uscita l'11 febbraio 2022 tramite Atomic Fire, il mese scorso, il tempo dell'attesa è finito e il sestetto presenta al mondo il primo singolo del disco. Il video di 'The Moon', girato dal rinomato regista Patric Ullaeus (rEvolver Film), può essere visto su YouTube: https://www.youtube.com/watch?v=EU5A5nqojYo.
 
L'autore dei testi Pekka Kainulainen commenta: "Ho realizzato diversi disegni e dipinti su questo argomento nel corso degli anni. Ora ho scritto in modo complementare alcuni testi heavy metal... Questa è una canzone d'amore".
 
Il chitarrista Esa Holopainen aggiunge: "È una canzone molto atmosferica ed orecchiabile che rappresenta bene come suonano gli AMORPHIS nel 2021”.
 
Accompagnato ancora una volta dall’artwork di Valnoir (ALCEST, PARADISE LOST ecc.), “Halo” è stato registrato, prodotto e mixato da Jens Bogren (Fascination Street Studios), mentre della masterizzazione si è occupato Tony Lindgren.
 
I preordini del disco sono attivi con download immediato di 'The Moon': https://music.atomicfire-records.com/halo.
 
“Halo” sarà disponibile nei seguenti formati:
 
- CD-DIGIPAK
- 2LP IN GATEFOLD:
black
picture
gold (esclusiva all’ingrosso)
red (esclusiva US)
blue marbled (esclusiva band shop)
yellow/blue marbled (esclusiva Atomic Fire)
orange marbled (esclusiva Napalm Records & UK)
red/blue marbled (esclusiva Levykauppa)
white/blue marbled (esclusiva EMP + US)
- BOX SET (contenente 2LP, esclusivo bonus CD “Live In Europe 2018-2019”, bandiera, bonus CD, panno per giradischi e badge):
white vinyl
green/blue marbled vinyl (esclusivaAtomic Fire)
silver vinyl (esclusiva EMP)
- CASSETTA (esclusiva Levykauppa)
 

La musica rock e metal è sempre stata un rifugio per coloro che hanno storie più grandi da raccontare, che hanno emozioni più grandi da trasmettere. Per più di trent’anni, i finlandesi AMORPHIS hanno fatto del loro meglio per ritagliarsi una nicchia tutta loro attraverso melodie sincere ma aggressive, malinconiche ma rilassanti. Su “Halo” il loro impressionante quattordicesimo lavoro in studio, i finlandesi sottolineano il loro status pionieristico come uno dei gruppi più originali, culturalmente rilevanti e premiati mai emersi dalla terra dei mille laghi.
 
In passato, la mitologia e la leggenda hanno assunto il ruolo della cultura popolare odierna: storie e un insieme di valori che ci uniscono dandoci una voce e un affresco in cui possiamo ritrovarci e identificarci con qualcosa. Tessendo i racconti dell’epos nazionale finlandese “Kalevala” nelle loro canzoni e interpretandoli in un modo senza tempo, gli AMORPHIS combinano il ruolo di antichi menestrelli e di luminari del mondo moderno, onorando la tradizione senza rimanere bloccati nel passato.
 
La vibrante, vivace e toccante bellezza che è “Halo” evidenzia la loro maestria musicale e narrativa a un livello ancora una volta altissimo: È un capolavoro di heavy metal progressive, melodico e malinconico per antonomasia, creato dai chitarristi originari Esa Holopainen e Tomi Koivusaari, dal bassista Olli-Pekka Laine, dal batterista Jan Rechberger, dal tastierista di lunga data Santeri Kallio, dal cantante Tomi Joutsen, da Pekka Kainulainen, la coscienza lirica di lunga data della band, e da un gruppo selezionato di professionisti dell’audio di classe mondiale guidati dal rinomato produttore svedese Jens Bogren. Considerando il lungo viaggio della band nell’avanguardia della musica metal innovativa, è difficile capire come gli AMORPHIS riescano ad alzare la proverbiale asticella di volta in volta, offrendoci un più che degno finale alla trilogia iniziata con “Under the Red Cloud” del 2015, seguito da “Queen of Time” del 2018.
 
“È davvero una grande sensazione il poter ancora produrre musica più che dignitosa come gruppo”, dice Holopainen, uno dei membri fondatori della band. “Forse un certo tipo di autocritica e una lunga esperienza culminano in questi ultimi album”. Per lo stesso compositore, “Halo” suona familiare e diverso allo stesso tempo. “È completamente riconoscibile come Amorphis dall’inizio alla fine, ma l’atmosfera generale è un po’ più pesante e progressive e anche organica rispetto al suo predecessore”, spiega.
 
Tomi Joutsen, l’uomo con le corde vocali capaci di scatenare colossali ringhi da orso così come di cantare ninnananne tranquille e ipnotiche, aggiunge: “Per me, ‘Halo’ suona un po’ più scarno rispetto a ‘Queen Of Time’ e ‘Under The Red Cloud’. Tuttavia, non fraintendetemi: quando una certa canzone deve suonare grandiosa, allora suona molto grandiosa“. Ha ragione, naturalmente: spogliando alcuni degli arrangiamenti, i momenti monumentali diventano ancora più monumentali.
 
Questo è ovviamente anche grazie all’uomo che ha contribuito alla rinascita della produzione, Jens Bogren, che ha raccolto le tredici tracce finali da un lotto di trenta canzoni che gli AMORPHIS gli hanno portato. “Jens è molto esigente, ma mi piace molto lavorare con lui“, dice Holopainen. “Si prende cura dell’intero progetto dall’inizio alla fine, e permette al musicista di concentrarsi solo sul suonare. Non potrò mai ringraziare abbastanza Jens. Tutto quello che abbiamo fatto insieme è stato davvero fantastico, e questa cooperazione ha fatto progredire gli Amorphis significativamente”.
 
È così. Partendo con la grandezza tempestosa della traccia di apertura “Northwards”, gli AMORPHIS ci conducono in un viaggio epico attraverso le terre del nord, il loro ricco patrimonio culturale e storico e le tradizioni musicali. Questo non è solo un album per i fan o i conoscitori del metal. È un must per ogni mente fantasiosa là fuori con un debole per i paesaggi sonori cinematografici, melodie trionfali e dinamiche mozzafiato che misurano le terre di confine tra luce e buio.
 
Tuttavia, nessun album degli AMORPHIS sarebbe completo senza la narrazione immaginativa e poetica del rinomato paroliere ed esperto di “Kalevala” Pekka Kainulainen. “Fin dall’inizio, Pekka è sempre stato un paroliere entusiasta e prolifico per gli Amorphis“, dice Joutsen. “È un lento processo di traduzione dell’arcaica poesia finlandese in inglese e di adattamento ai nostri ritmi progressive. Fortunatamente, Pekka fa tutto in tempo e con grande cura”. Da “Silent Waters” del 2007, Kainulainen naviga nelle acque mitologiche della sua patria con grande abilità e rispetto. Per “Halo” si è superato ancora una volta. “‘Halo’ è un disco a tema libero pieno di racconti avventurosi sul mitico Nord di decine di migliaia di anni fa”, spiega. “I testi raccontano di un tempo antico in cui l’uomo vagava verso queste frontiere boreali abbandonate dopo l’era glaciale. Mentre descrivo la rinascita di una cultura seminale in un mondo di nuove opportunità, cerco anche di raggiungere le forze sempiterne della mente umana”.
 
Trentuno anni dopo la loro nascita, con innumerevoli tour mondiali all’attivo e quattordici album nella loro carriera, gli AMORPHIS dimostrano ancora di essere la fonte musicale della giovinezza, una band straordinaria che si reinventa costantemente senza abbandonare le sue radici mistiche. Con “Halo” offrono un album sorprendente che merita di essere suonato ovunque, trascendendo i reami del metal e del rock per la sua pura profondità e musicalità.

Amorphis
From Finlandia

Discography
1992 The Karelian Isthmus
1994 Tales From The Thousand Lakes
1996 Elegy
1999 Tuonela
2001 Am Universum
2004 Far From The Sun
2006 Eclipse
2007 Silent Waters
2009 Skyforger
2011 The Beginning Of Times
2013 Circle
2015 Under The Red Cloud
2018 Queen Of Time
2022 Halo