-Core
Cold Years
32
Pubblicato il 16/03/2022 da Lorenzo Becciani

Il trio di Aberdeen, Cold Years, ha annunciato l'uscita del nuovo album, "Goodbye To Misery" su Inside Job/MNRK il 22 Aprile 2022.

"Goodbye To Misery" è l'ambizioso seguito dell'acclamato debutto della band, "Paradise" (2020). Registrato da Neil Kennedy (Creeper, Boston Manor, Milk Teeth) nel maggio 2021 ai The Ranch Studios di Southampton, "Goodbye To Misery" è composto da 12 tracce nate dal desiderio di un futuro più positivo piuttosto che dall'autodistruzione e dalla miseria del suo predecessore. "Questo disco è il nostro modo di dire che puoi staccarti da quelle cose che ti stanno buttando giù", spiega il frontman Ross Gordon. "Parla del farsi rispettare e non lasciare che qualcuno ti dica cosa dovresti o non dovresti fare. È una dichiarazione provocatoria".

Per celebrare l'annuncio, i punk scozzesi hanno pubblicato un nuovo singolo e opener dell'album, '32'.

Ascolta '32' qui:
https://coldyears.lnk.to/32-single

Guarda il video di '32' qui: https://youtu.be/EKS_VNmWCpU 

Parlando della canzone, il frontman Ross Gordon dice, "Questo è il nostro brano 'fanculo, andiamocene da qui' e quello che meglio incanala il messaggio dell'album. Riguarda il superamento delle difficoltà e la crescita come persona - affrontando tutte le proprie paure e insicurezze - e realizzando che non sei mai solo in questo. È sopra le righe; è punk rock sotto steroidi e non vediamo l'ora di suonarlo dal vivo".

ALTRO SU "GOODBYE TO MISERY"

Stava probabilmente arrivando. La diga era sicuramente destinata a rompersi. Se aveste ascoltato Ross Gordon parlare negli ultimi anni, letto tra le righe dei suoi testi, o prestato attenzione ai momenti più incandescenti dell'acclamato album di debutto "Paradise" dei Cold Years del 2020, avreste potuto prevedere che qualcosa doveva cedere. Come attesta lo spirito incendiario del nuovo album della band, "Goodbye To Misery", "qualcosa" potrebbe essere un eufemismo.

Tutto è cambiato. Questo è il suono dell'attacca o scappa che si scatena, della decisione che quando è troppo è troppo, e il trio - completato dal chitarrista Finlay Urquhart e dal bassista Louis Craighead - chiede di meglio. Soprattutto, sono loro che fanno qualcosa al riguardo. Il tempo per infastidire e lamentarsi è finito. Come Gordon dice succintamente, "Non sono più autodistruttivo o miserabile".

Delle 12 nuove canzoni che compongono il disco, solo tre sono state scritte ad Aberdeen quando Gordon ha preso e si è trasferito a Glasgow per sfuggire all'ambiente soffocante che ha chiamato casa per tutta la sua vita. I brani sono usciti in un turbine di ispirazione della grande città mentre Gordon, come milioni di altri nel Regno Unito, si è trovato in congedo. Perché sì, l'ombra che incombe su questa storia è la stessa che continua a colorare quasi ogni aspetto della nostra vita quotidiana. Costretto, dall'isolamento, a condividere le idee con Craighead e Urquhart via e-mail invece di lasciar fluire le cose nei pub davanti a una pinta come si faceva una volta, le canzoni su "Goodbye To Misery" hanno naturalmente preso forma in modi nuovi. Infusa con nuova energia e nuovi sentimenti, la band ha deciso di esplorare questi impulsi, uscendo nel processo dalla loro zona di comfort collettiva. Come dice Gordon, "è un fottuto disco punk rock", con uno spirito a ruota libera e un'attitudine senza paura.

Se vi siete mai chiesti se c'è qualcosa di meglio là fuori, se avete sospettato che questo non può essere tutto ciò che c'è, o se avete sentito che meritate di più nella vita, "Goodbye To Misery" è un disco che risuonerà forte. Puoi rimanere dove sei e distruggerti nella disperazione, o puoi uscire e ottenere ciò che meriti. Perché il mondo non ti deve alcun favore. Non ci saranno salvatori che sorgeranno da queste strade. Fiammeggiante di furia, rimpianto, dipendenza e sfida, i Cold Years tirano su tutti questi fili con disinvoltura. Coprono le relazioni e le questioni sociali. Diventa profondamente personale ma offre una chiamata universale alle armi. Tra tutto questo ritrovato ottimismo e positività, c'è anche più rabbia legittima e ribellione di quella che troverete nella maggior parte dei dischi punk moderni. State tranquilli, i Cold Years stanno ancora fermamente scalciando. Se non altro, suonano ancora più arrabbiati che mai. Comprensibile, date le molte ragioni per esserlo.

"Non me ne frega un cazzo di cosa mi succederà quando avrò 65 anni", dice Gordon. "Hai bisogno di vivere la vita nel presente. Devi correre dei rischi. E questa era una cosa che ho sempre avuto paura di fare. Ma ora non ho più paura".

Pre-ordina/Salva in anteprima:
https://coldyears.lnk.to/goodbye-to-misery