-Core
Sean Keel
Corn Palace
Pubblicato il 17/09/2022 da Lorenzo Becciani

"L'intera faccenda è stata uno strano incidente”, racconta Sean Keel a proposito dell'improbabile serie di circostanze che hanno portato all'uscita del disco crudo e fortemente evocativo del cantautore di Austin, “A Dry Scary Blue”, per l'etichetta indipendente di Stoccolma, Icons Creating Evil Art.  "Ho quattro dischi su Bandcamp e praticamente nessuno li ha ascoltati; ora ne sto facendo uscire uno con una casa discografica. Una vera casa discografica! Dalla Svezia!".
 
"A Dry Scary Blue" introduce un cantautore unico che, nonostante viva in una leggendaria mecca della musica roots, ha affinato il suo mestiere lontano dagli occhi del pubblico.  Le composizioni crude ed evocative di Keel si rifanno a una lunga e onorata tradizione di cantautori texani iconoclasti ed emotivamente complessi, pur non assomigliando mai lontanamente a nessuno.  "A Dry Scary Blue" è una serie di canzoni ambientate nelle belle colline texane amate da Keel, o nei terreni agricoli del Minnesota della sua giovinezza, e soffuse dal lento dolore delle cose belle che svaniscono. I testi di Keel sono accompagnati da arrangiamenti spartani e grezzi, che li accompagnano.  Le parole di Keel hanno un potere autentico. In questo settore l'esagerazione è la norma. È difficile sopravvalutare la bellezza di queste canzoni.
 
Il primo singolo si intitola “Corn Palace” è può essere ascoltato qui: https://icea.ffm.to/cornpalace
 
Corn Palace:
“Plastic bags are catching air. They’re dancing. Reaching wings white as wedding gowns. Haven’t known for years where you are. I’m not asking. Revival must be over. The tents are coming down”
 
Hill of Three Oaks:
“Lights along the drive one by one come alive. We say things we don’t need to say. There’s fog or there’s smoke ‘round the Hill of Three Oaks.  Their shadows, an auction of slaves”
 
Near that Far:
“How ‘bout we siphon all the gas out of that backhoe. Paint our names in fire on the street. You ever close your eyes and just pretend, whoever you’re with, is me?”
 
Questo è un piccolo campione rappresentativo dei testi. Se lanciate una freccetta su questo disco, colpirete qualcosa che sanguina. Queste sono alcune delle parole di Keel. E poi c'è la sua voce. Potrebbe ricordare Neil Young o Tom Waits, ma non è nessuna delle due cose. È chiaro che non sta copiando nessuno. È improbabile che qualcuno riesca a copiarlo.
 
Keel non è un comune outsider. Quasi sessantenne, il professore di lunga data dell'Università del Texas è molto conosciuto nel mondo della ricerca matematica. Ma questo disco sarà la sua prima apparizione sotto il radar della cultura pop. Ha scritto un romanzo di spade e stregonerie, molti racconti e poesie. Ha inciso tre dischi di folk/jazz con la sua band di famiglia, Bill the Pony, e un album di "musica folk-country super scarna". Tutti autoprodotti e tutti nella più completa oscurità. Su suggerimento di un amico musicista ha deciso di far produrre il suo ultimo disco da un professionista. Sorpreso dai risultati, ha inviato il primo mix della prima canzone a Icons Creating Evil Art, sperando che lo pubblicassero sul loro canale Youtube (la serie "Discovered by ICEA"). Per un fortunato caso, ad ascoltarlo è stato il fondatore e proprietario dell'etichetta. Colpito e di umore strano, decise che era giunto il momento di mettere in atto il suo progetto di dare una spinta promozionale a un completo sconosciuto. L'uscita di “A Dry Scary Blue” sarà il primo passo dell'esperimento. 
 
Il produttore è il poliedrico Gabriel Rhodes. Figlio della famosa cantante Kimmie Rhodes e figliastro dell'influente DJ Joe Gracey, Gabe è un vero e proprio artista dell'alt-country, avendo lavorato con un vasto assortimento di artisti tra cui Willie Nelson, Waylon Jennings ed Emmylou Harris.
 
“Gabe è davvero incredibile", osserva Keel. "Avevo già scritto tutte le canzoni prima che ci incontrassimo. Ho registrato le tracce di chitarra e la voce per ciascuna di esse su garage band e le ho inviate a Gabe, perché ci facesse quello che pensava sarebbe stato bello. Sono rimasto davvero sorpreso dai risultati. Quello che Gabe fa, le sue cose migliori, sono film musicali. Ha capito cosa succedeva nelle mie canzoni e ne ha fatto dei film musicali. È una collaborazione davvero bella.  Siamo entrambi molto orgogliosi del disco. In parte perché non è niente di simile a quello che ognuno di noi avrebbe fatto da solo".
 
Cosa spera Keel di ottenere da questa collaborazione con Rhodes e Icons Creating Evil Art? "Il mondo è un posto enorme. Se ti rivolgi anche alla più piccola fetta di persone, è comunque un numero enorme. Questa musica non è per tutti. Sono sicuro che alla maggior parte delle persone non piacerà. Ma sono abbastanza sicuro che là fuori ci sia un sacco di gente a cui piacerebbe. Il test che mi piace fare: se a qualcuno piacciono sia Townes van Zandt che Tom Waits. So che alla maggior parte delle persone non piacciono. Ma se lo fanno, allora è quasi certo che apprezzeranno quello che abbiamo".