-Core
Greyhaven
This Bright And Beautiful World
Rude Records
Pubblicato il 20/04/2022 da Lorenzo Becciani
Songs
1. In a Room Where Everything Dies
2. All Candy
3. A Painful and Necessary Action
4. More and More Hands
5. Of Snakes and Swans
6. Foreign Anchor
7. Fed To The Lights
8. The Quiet Shakes
9. And It’s Still Too Loud
10. Ornaments From The Well

La band originaria di Louisville, Kentucky ha compiuto passi da gigante a partire dal debutto ‘Cult America’ e già con ‘Empty Black’ aveva dimostrato una versatilità rara da trovare in circolazione. Personalmente odio il post-hardcore di plastica, soprattutto quello tedesco, e amo le formazioni difficili da classificare. Evidentemente i Greyhaven hanno voluto accontentarmi visto che il loro terzo lavoro in studio è quanto di più difficile da etichettare ci possa essere in giro. In ‘This Bright And Beautiful World’ troverete influenze disparate. Si va dagli Alice In Chains ai Deftones, dai Glassjaw ai The Dillinger Escape Plan, dal chaotic hardcore al pop, dall’elettronica al metalcore vecchio stampo, ma soprattutto troverete una serie di dinamiche in grado di catturare passaggi radiofonici (‘All Candy’) e regalare spasmi muscolari dal vivo (‘A Painful And Necessary Actions’ e ‘The Quiet Shakes’). L’atmosfera è piuttosto oscura ed il cantato di Brent Mills mantiene l’aderenza con gruppi come Bring Me The Horizon, Hands Like Houses e I See Stars, però allo stesso tempo divaga in ambiti diversi rendendo più stimolante l’ascolto. Di ‘Of Snakes And Swans’ e ‘And It’s Still Too Loud’ i breakdown migliori in scaletta.

Songs
1. In a Room Where Everything Dies
2. All Candy
3. A Painful and Necessary Action
4. More and More Hands
5. Of Snakes and Swans
6. Foreign Anchor
7. Fed To The Lights
8. The Quiet Shakes
9. And It’s Still Too Loud
10. Ornaments From The Well
Greyhaven
From USA

Discography
Cult America - 2014
Empty Black - 2018
This Bright and Beautiful World ‎- 2022